Percorsi 1984-2015 Mostra antologica di Bruno Gianesi

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Bruno Gianesi Incontri

Sabato 27 giugno 2015 alle 16.30 presso il Castello Dal Verme di Zavattarello (Pv), si terrà l'inaugurazione della mostra curata dal Laboratorio delle Arti in collaborazione con Roberto Borghi.


Con questa esposizione Bruno Gianesi ripercorre il suo itinerario artistico dall'esordio avvenuto nel 1984, l'anno in cui entra a far parte dell'ufficio stilistico di Gianni Versace, al 2004, data in cui tiene la prima personale come pittore presso il Palazzo Farnese di Piacenza, fino alle opere più recenti. Tale itinerario è descritto nel libro "Percorsi di vita.
In bilico tra moda, teatro, arte ..." pubblicato dalla collana dei Quaderni del Laboratorio delle Arti in occasione della mostra realizzata lo scorso ottobre presso Villa Braghieri di Castel San Giovanni (Pc). Dai primi dipinti della serie "Tattoo" (2004), ai più recenti del ciclo dei "Pinocchi" (2011-2014), "l'artista ha condotto - scrive Roberto Borghi - una serrata riflessione sul corpo che si ricollega alla sua lunga esperienza nel campo della moda e del teatro".

Il percorso della mostra si snoda attraverso varie fasi e periodi temporali: l'inizio nei primi anni '80 con la serie di disegni con cui Gianesi si presentò nel 1984 a Gianni Versace e che determinarono il suo futuro nell'ambito della Maison; il periodo che va dal 1984 al 1999 con schizzi e disegni risalenti al periodo Versace; infine il periodo pittorico che va dagli anni 2000 a oggi.

Nel 1984 Gianesi è entrato a far parte dell'ufficio stilistico di Gianni Versace e vi è rimasto per sedici anni, in qualità di capo stilista e responsabile dei progetti teatrali, disegnando e curando la realizzazione dei costumi per coreografi e registi illustri quali Maurice Béjart, Roland Petit, William Forsythe e Bob Wilson. In questo periodo ha disegnato tra l'altro abiti per personaggi famosi e protagonisti del jet set internazionale come Elthon John, Madonna, Lady Diana, Sting. I suoi disegni sono pubblicati nei libri "Versace Teatro" vol. I e II, editi da Franco Maria Ricci, e "Il teatro alla moda", pubblicato da Umberto Allemandi &
Co. Nel 2013 Bruno Gianesi e Antonio Syxty, regista e direttore artistico del Teatro Litta di Milano, hanno realizzato insieme il libro d'artista "Deep End" per l'editore Quadrige di Nizza.

Nel suo percorso tra moda, teatro e arti visive, "Gianesi - scrive ancora Borghi - si è mosso in bilico tra due dimensioni contrastanti. Da un lato la naturalezza, intesa come tensione verso la spontaneità dei gesti, ma anche come vero e proprio fascino per la natura e la sua rigogliosa sensorialità, ben emblematizzata dal ciclo di dipinti intitolato 'Gardening'.

Dall'altro l'artificialità, considerata come mimesi, finzione appagante, propria di ogni rappresentazione artistica, e del teatro in particolare, ma vista anche come artificiosità, come snaturamento dei rapporti umani. Ecco perciò fiorire, nella pittura di Bruno, le maschere, i burattini, e altre figure che possiamo presumere influenzate dalle convenzioni sociali, dai meccanismi della vita relazionale, messi letteralmente a nudo, e finanche irrisi, nelle opere più recenti".


PERCORSI 1984-2015, una mostra antologica di Bruno Gianesi
Castello Dal Verme, Zavattarello (Pv)
Museo d’Arte Contemporanea ‘Giuseppe e Titina dal Verme’

Inaugurazione sabato 27 giugno alle 16.00
La mostra potrà essere visitata sino al 20 luglio, il sabato e la domenica dalle 14.00 alle
19.00
Per informazioni 0383 589132 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.zavattarello.org
contentmap_plugin

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerca